Uxía Martínez Botana

Selezionata dalla rivista americana di basso “No treble” come una delle prime 10 contrabassiste al mondo e riconosciuta dalla critica internazionale per la sua «grande intensità e tecnica eccezionale», Uxía Martínez Botana (7 agosto 1988) ha iniziato i suoi studi di contrabbasso all’età di 6 anni con il bassista della Moscow Virtuosos Orchestra,  Witold Patsevich. Ha continuato i suoi studi in Spagna e successivamente nei Paesi Bassi presso il “Conservatorium Van Amsterdam” dove ha terminato il suo contrabbasso con Peter Stotijn e il basso barocco con Maggie Urquhart.

Ha ottenuto il suo primo contratto professionale con l’Orchestra Sinfonica della Galizia (Spagna) all’età di 16 anni. Successivamente, Uxía ha lavorato come bassista in orchestre come la Royal Concertgebouw Orchestra, la Netherlands Philharmonisch Orkest sotto la direzione di Marc Albrecht e la Amsterdam Sinfonietta sotto la direzione di Candida Thompson. Uxia è stato Guest Principal Double Bass presso la Philharmonie Zuid-Nederland, Scottish Chamber Orchestra (SCO), Orchestre D’Auvergne, The Royal Scottish National Orchestra (RSNO), Oxford Philharmonic, Orquesta Philharmonica De Gran Canaria e Antwerp Symphony Orchestra. È stata il primo contrabbasso della Filarmonica di Bruxelles fino al 2020. Da gennaio 2016 è anche il primo contrabbasso della Weinberger Kammerorchester (Zurigo) sotto la direzione di Gábor Takács-Nagy. Dal 2018 è anche insegnante di contrabbasso presso l’ESMUC College of Music della Catalogna a Barcellona (Spagna) e presso l’Accademia Barenboim-Said. Nel 2021 entra a far parte anche dell’accademia per archi Stauffer Center, a Cremona (Italia) insieme ad altri artisti di fama come Sol Gabetta, Michael Barenboim, Lisa Batiashivili, Daniel hope, Julian Rachlin, Lawrence Power, Antoine Tamestit, Steven Isserlis, Mischa Maisky, Alissa Weilestein.

Uxía Martinez Botana è stato la prima artista spagnola invitata come contrabbasso principale del vincitore del Grammy Award Kremerata Baltica, sotto la direzione di Gidon Kremer, lavorando con solisti come Martha Argerich, Emmanuel Pahud, Khatia Buniatishvili, Daniel Baremboin, Mario Brunello, Mikhail Pletnev, Heinrich Schiff e molti altri artisti rinomati.

Oltre al suo lavoro nelle orchestre, Uxía Martínez Botana ha sviluppato una brillante carriera come solista e come musicista da camera. Come bassista solista, alcune delle sue eccezionali esibizioni sono state nel 2012 la prima di opere del compositore Wladimir Rosinskij nel festival “Due giorni e due notti di nuova musica” Odessa (Ucraina) acclamata come “potente e mozzafiato”. Nel 2010 la sua interpretazione della Parabola XVII di Vincent Persichetti è stata acclamata dalla critica internazionale come “sbalorditiva intensità emotiva e controllo maestro sullo strumento”. Nel 2014 ha debuttato da solista al Concertgebouw (Amsterdam) con “The New European Ensemble”. Nel febbraio 2017 ha anche debuttato da solista con l’Orchestra Sinfonica della Galizia sotto la direzione di Dima Slobodeniouk eseguendo in anteprima woks di Wladimir Rosinskij. Nel 2018 ha debuttato da solista con la Czech Philharmonic Chamber Orchestra e il violinista Josef Spacek. Nel 2019, ha debuttato da solista con la Franz Liszt Chamber Orchestra (Budapest) sotto la direzione di Robert Farkas, lo stesso anno, ha debuttato con la Stellenbosch Chamber Orchestra (Stellenbosch, Sud Africa). Ha anche tenuto recital da solista nella Philharmonie Hall lussemburghese, nei Paesi Bassi, in Belgio e in Spagna.

Come musicista da camera, Uxía ha suonato con musicisti di spicco come Julia Fischer, Anna Chumachenko, Yuri Bashmet, Natalia Gutman, Andras Schiff, Christian Tetzlaff, Lars Vogt, Nobuko Imai, Tabea Zimmermann, Polina Leschenko, Natascha Kruditskaya, Philippe Graffin, Gary Hoffman, David Cohen, Kian Soltani, Aaron Pilsan, Ante Weithaas, Alexander Buzlov, Alissa Margulis, Mischa Maisky, Sol Gabetta, Bertrand Chamayou,  Alina Abragimova, Laurence Power o Tatiana Masurenko e ha partecipato a progetti come «Tango Factory» con Marcello Nisinman (bandoneon) e Frans Helmerson (violoncello).

Uxía Martínez Botana è regolarmente invitata a partecipare a importanti festival in tutta Europa: The Gergiev Festival (Paesi Bassi), Schleswig Holstein International Chamber Music Festival , Spanungen (Germania), Gstaad Menuhin Festival, Kuhmo International Chamber Music Festival (Finlandia), The Kronberg Academy ̈Chamber Music Connects the World ̈e ̈Masters in Performance of the Kronberg Academy ̈ (Francoforte, Germania), Musiq 3 Festival (Belgio),  Stellenbosch International music Festival (Sud Africa) Schubertiade Schwarzenberg Hohenems (Austria) tra molti altri.

Uxia è anche il fondatore del Rubik Ensemble Ensemble formato da sei solisti internazionali: Nikita Boriso Glebsky (violino), Solenne Paidassi (violino), David Cohen (violoncello), Dana Zemtsov (viola), Uxia Martinez Botana (contrabbasso) e Andreas Hering (pianoforte).

Nel febbraio 2016 è stata selezionata dalla National Dutch Musical Instrument Foundation come uno dei loro artisti sponsorizzati: Uxia Martinez Botana. 2016 Muziekinstrumenten Fonds Artist che le ha prestato il contrabbasso inglese noto come “The English Lady ̈(1800 c.a), lo strumento appartiene alla collezione ̈Willem Vogelaar ̈.  Interpreta anche un “Ludwig Neuner” (1854) prestato da uno sponsor privato.

La grande passione di Uxia per la musica da film l’ha portata a collaborare a molte registrazioni di colonne sonore con il Netherlands Film Festival come il film “No estoy muerto, solo estoy dormido” (“Non sono morto, sto solo dormendo”) del regista olandese/messicano Juan Sebastian Lopez Maas, premiato al Berlinale Film Festival con il “Canon Award” per giovani talenti.