FONDAZIONE
GUIDO
D’AREZZO

“Le quattro stagioni” di Vivaldi interpretate da Giovanni Andrea Zanon
Musica evento concluso

“Le quattro stagioni” di Vivaldi interpretate da Giovanni Andrea Zanon

30 / 08 / 2020

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

L’ingresso è gratuito ma la prenotazione è obbligatoria sul sito www.discoverarezzo.com. I posti potranno essere prenotati anche presso la biglietteria del Teatro Petrarca nei giorni 26-27-28 agosto dalle ore 17 alle ore 19. Il giorno di spettacolo la biglietteria dell’Anfiteatro sarà attiva a partire dalle ore 18.

“Le quattro stagioni” di Vivaldi interpretate da uno dei più giovani e talentuosi violinisti italiani: con un concerto “fuori programma” che si preannuncia trascinante e imperdibile ad Arezzo prosegue “Anfiteatro sotto le stelle”, il cartellone estivo che propone cultura in uno dei luoghi più belli e magici della città.

Domenica 30 agosto alle ore 21.15, l’Anfiteatro Romano sarà palcoscenico d’eccezione per Giovanni Andrea Zanon che, appena 22enne, si esibirà come violino solista e concertatore di un programma di grande impatto emotivo.

Ad aprire il concerto “Il trillo del diavolo” che, nella trascrizione per violino e orchestra, sarà l’omaggio di Zanon a Giuseppe Tartini, compositore di cui quest’anno ricorrono i 250 anni dalla morte. Una partitura tecnicamente molto impegnativa che ha conquistato intere generazioni di pubblico, fino ad arrivare ad avere un posto speciale perfino nelle pagine di “Dylan Dog”.

Quindi saranno “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi a conquistare l’Anfiteatro Romano: straordinaria è la fama di cui godono questi concerti, un successo che oltre al tema evocativo dei quattro periodi dell’anno, si deve alla genialità ritmica con cui la musica di Vivaldi si riesce a porre in diretto dialogo con l’ascoltatore.

Sul palco, con Giovanni Andrea Zanon, Gianpiero Zanocco, Francesca Bonomo, Gilda Urli (primi violini); Beatrice Zanon, Giorgio Baldan, Greta Manzardo (secondi violini); Mario Paladin, Massimiliano Simonetto (viole); Massimo Raccanelli, Anna Stevanato (violoncelli); Michele Gallo (contrabbasso) e Lorenzo Feder (cembalo).