Christophe Giovaninetti, Tiziano Mealli

Domenica 24 febbraio –  ore 18.00          Ca.Mu.

Grande esperienza e gioia di far musica insieme sono tra i preziosi ingredienti che vivificano l’incontro tra Christophe Giovaninetti, primo violino per oltre dieci anni del Quartetto Ysaÿe e poi fondatore del Quartetto Elysée, ed il pianista Tiziano Mealli, appassionato camerista da sempre impegnato in prestigiose collaborazioni. Insieme propongono al pubblico aretino le tre Sonate per violino e pianoforte di cui Brahms autorizzò la pubblicazione (le altre tre scritte in precedenza furono distrutte), legate ad un arco temporale (1878-1888) nel quale, conclusa l’esperienza di sinfonista, Brahms tornava all’amata musica da camera.
La scrittura brahmsiana trae ispirazione dalla vocalità, e infatti spesso il materiale tematico è estrapolato dalla produzione liederistica, come avviene per la Sonata in sol maggiore op. 78, costruita sul Regenlied dello stesso Brahms; l’esaltazione della cantabilità dell’arco si arricchisce di una tessitura pianistica interlocutoria e complice, che contribuisce a creare un clima di affettuosa intimità espressiva, in particolare nella Sonata in fa maggiore op. 100, che ascolteremo in apertura.
La Sonata in re minore op. 108, che occupa interamente la seconda parte del concerto, si distingue dalle precedenti per un carattere più incisivo, maggiori dimensioni (è l’unica in quattro tempi), ed una scrittura dichiaratamente virtuosistica.

JOHANNES BRAHMS (Amburgo, 1833 – Vienna, 1897) 
Sonata n. 2 per violino e pianoforte in la maggiore, op. 100 
Allegro amabile

Andante tranquillo – Vivace 
Allegretto grazioso, quasi Andante 

JOHANNES BRAHMS

Sonata n. 1 per violino e pianoforte in sol maggiore, op. 78 
Vivace, ma non troppo

Adagio

Allegro molto moderato 

*** 

JOHANNES BRAHMS

Sonata n. 3 per violino e pianoforte in re minore, op. 108 
Allegro

Adagio
Un poco presto e con sentimento

Presto agitato 

Christophe Giovaninetti violino 
Tiziano Mealli pianoforte 

Christophe Giovaninetti 
Dopo gli studi in Francia, Romania e Germania (con i membri del Quartetto Amadeus, W. Levin e H. Beyerle), Christophe Giovaninetti nel 1984 fonda il Quartetto Ysaÿe, nel quale ricoprirà il ruolo di primo violino. Dopo 11 anni di successi, nel 1995 lascia il gruppo dando vita al Quartetto Elysée. Vincitore del 1° Grand Prix International per quartetto d’archi di Evian, ha effettuato numerose registrazioni per la Decca (i sei quartetti di Mozart dedicati a Haydn, l’integrale dei quartetti di Mendelssohn, i quartetti dei principali compositori francesi), per Harmonia Mundi (Mozart), Philips (Schullhoff), per Radio France (Boucourechliev). Ha da poco ultimato l’incisione dei Sei Quartetti op. 76 di Haydn per la Zig-Zag Territoires. Ha partecipato a numerose tournée in tutto il mondo collaborando, in formazioni cameristiche, con Augustin Dumay, Shlomo Mintz, Maria Joao Pires, Jean Philippe Collard, Frank Braley, Paul Meyer, ecc.
Parallelamente alla sua vita concertistica è attivo come docente presso il Conservatorio Nazionale Superiore di Parigi. 

Tiziano Mealli 
Allievo di Alessandro Specchi presso il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, formatosi alla scuola del Trio di Trieste e del Quartetto Italiano, ha fatto della musica da camera il fulcro della sua attività concertistica e didattica. Ha suonato con artisti quali Dino Asciolla, Ifor James, Mario Brunello, Giuliano Carmignola, Piero e Antonello Farulli, Riccardo Brengola, Felice Cusano, Christophe Giovaninetti, Alain Meunier, Andrea Lucchesini, Hatto Bayerle, Andrea Nannoni, Pavel Vernikov, Mario Caroli e con ensemble quali il Nuovo Quartetto Italiano, il Quartetto Fonè, il Quartetto di Milano, il Quartetto di Venezia, il Quartetto di Torino e il Navarra String Quartet, tenendo concerti nelle più importanti città italiane ed estere, ospite delle società e dei festival più prestigiosi. È titolare della cattedra di Musica da Camera presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze. Tiene numerose masterclass e da molti anni ha una fruttuosa collaborazione didattica con la Scuola di Musica di Fiesole dove tiene master di pianoforte e dove dal 1997 insegna Musica da Camera per i corsi dell’Orchestra Giovanile Italiana, ruolo precedentemente appartenuto a Dario De Rosa.